Co-Educazione

Ciao a tutti! 🙂

Chi ha visto il mio video di presentazione?? 🙂

Chi non lo avesse visto e fosse un po’ curioso di sbirciare di che cosa si tratti….

corra a cliccare, nella sezione “ABOUT ME”, la pagina intitolata “Servizio: CO-EDUCAZIONE”, non se ne pentirà! 😉

Nel video ho tentato di rappresentarvi, sinteticamente, i contenuti più salienti della mia iniziativa, ma adesso, se siete d’accordo, senza limiti di tempo 🙂

…. ve ne vorrei parlare chiarendo in che cosa consista e quali siano gli obbiettivi che con esso intendo raggiungere.

Che cosa significa Co – educare?

Esatto!! 🙂

Significa educare insieme a qualcuno.

Ma chi è quel qualcuno?? Quel qualcuno possono essere: i parenti, le tate, le insegnanti, gli amici più stretti oppure…..

IO, se vorrai !!! 🙂

La mia iniziativa, di “co-educare”, nasce dal desiderio di voler sostenere ed accompagnare i genitori, in questo importante percorso di crescita. Ognuno di noi, reciprocamente, può apportare il proprio contribuito attingendo dalle proprie esperienze e dai propri saperi…a piccoli passi.

Molto spesso mi è capitato che un genitore si avvicinasse a me ricercando un piccolo momento di confronto o confronto e devo ammettere che è sempre stato molto interessante, oltre che gratificante, porsi all’ascolto dell’altro ed offrire successivamente il proprio contributo.

Nell’arco delle mie esperienze lavorative, come tata, e per gli studi universitari in corso, presso la facoltà di Scienze dell’Educazione e Formazione di Firenze, ho avuto modo di accrescere molteplici conoscenze nel settore della prima infanzia. E’ stato questo bagaglio in continua evoluzione ha darmi la giusta motivazione per avviare, oggi, questo meraviglioso percorso di CO-EDUCAZIONE, attraverso questo mio blog.

L’obiettivo dunque di questa mia iniziativa è quello di fornire ai genitori, anche se già pienamente competenti nel loro ruolo, gli strumenti necessari per migliorare ed accrescere il rapporto con i loro figli.

Molte mamme di famiglia o mamme single si trovano molto spesso esauste e stressate a fine giornata, proprio perché oltre a doversi occupare del proprio lavoro, di fare la spesa, di mettere in ordine la propria casa…

…eh già avete intuito bene….devono poi occuparsi dei propri bambini!

Certamente tutti questi 1000 impegni ogni giorno, nonostante qualche aiutino di un bravo babbo, non le rendono sempre agli occhi dei propri bimbi, così amorevoli, pazienti e tranquille. Anzi molto spesso sono così tanto stressate che involontariamente scaricano le loro tensioni sui propri figli.

Direbbero i vostri bambini!!!

I genitori sono preziose figure di riferimento per i propri piccoli, sempre intenti ad imitarli; per questo è necessario, fin da subito, che siano disposti a prendere consapevolezza delle proprie azioni e magari di mettersi in discussione confrontandosi con altri genitori. Non si tratta, dunque, di colpevolizzare il genitore o di farlo sentire un incapace!

Si tratta piuttosto di costruire, insieme, un dialogo condiviso; allo scopo di individuare i bisogni, ossia le potenzialità ed il cambiamento, dei bambini e dei loro genitori.

Questo è possibile soltanto comprendendo che mai nessuno potrà sostituirsi ai protagonisti della storia, genitori e bambini, e che la responsabilità è condivisa con altri attori impegnati a sostenerli e non a controllarli!

L’equilibrio con se stessi ed in famiglia è fondamentale per svolgere a pieno ed in modo efficace il proprio ruolo. Ne vale del proprio benessere e di quello dei propri figli.

Proprio perché è umano sbagliare e perché sbagliando si impara non posso proporvi  certamente una

…………………….bacchetta magica,

ma posso proporvi un percorso di cooperazione e di co-educazione mirato, con l’obiettivo di fornivi gli strumenti educativi, non terapeutici, necessari per ristabilire in autonomia un rapporto armonico con i vostri bambini!

Resto in attesa di un vostro feedback! 🙂

Grazie a tutti, come sempre, per il vostro tempo!